Le Notizie

Con la modifica operata dal decreto PNRR 2, l'ambito soggettivo della fatturazione elettronica si riflette in automatico sull'obbligo di trasmettere telematicamente all'Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni effettuate con soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato. In seguito, con le novià introdotte dalla legge di Bilancio 2021, con tali operazioni, compiute dal 1° luglio 2022, i soggetti che precedentemente erano esonerati dall'obbligo di fatturazione elettronica, dovranno effettuare l'invio utilizzando le stesse modalità attualmente previste per la fatturazione elettronica

L'Agenzia delle Entrate, a partire dal 23 maggio 2022, rende disponibile sul proprio sito la dichiarazione precompilata. i contribuenti possono quindi iniziare a controllare i dati presenti nella stessa, con la possibilità di modificare i dati  a partire dal 31 maggio 2022. Questo è quanto si legge dalla risposta informale fornita dall'Agenzia al quesito di un contribuente.

Tra le novità del decreto PNRR 2 pubblicate in Gazzetta Ufficiale c'è l'obbligo della fattura elettronica dal 1° luglio 2022 per i forfettari, l'anticipo di sei mesi delle sanzioni per esercenti e professionisti che non accettano i pagamenti POS, il rinvio dal 16 maggio al 15 luglio dell'entrata in vigore del Codice della crisi d'impresa e nuove semplificazioni per gli investimenti nelle Zone economiche speciali del Sud

Per quanto riguarda l'IVA, l'Agenzia delle Entrate ha assimilato il cambio delle valute virtuali in valute fiat alla pari di operazioni esenti; per quanto riguarda l'IRPEF, invece, ha assimilato il trading di valute virtuali a quello delle valute estere, perciò, i redditi derivanti esclusivamente ai fini speculativi, sono assoggettati all'imposta sostitutiva del 26%, ma solo se contestualmente siano realizzati mediante cessione a titolo oneroso di valute estere

Con il secondo decreto PNRR il Consiglio dei ministri rivede in parte il calendario delle misure previste per contrastare l'evasione fiscale. Nella bozza del decreto troviamo l'anticipo al 30 giugno 2022 della doppia sanzione per gli esercenti che non accettano i pagamenti con il Pos, l'obbligo della fattura elettronica a partire dal 1° luglio 2022 per le parite Iva in flat tax e la diminuzione del contante a mille euro dal 1° gennaio 2023