Le Notizie

La legge di Bilancio 2022 ha disposto l'esenzione dell'IRAP per i contribuenti persone fisiche che esercitano attività commerciali, nonché arti e professioni, con effetto a partire dal periodo di imposta in corso alla data di entrata in vigore della legge n. 234/2021, ossia il 1° gennaio 2022. Il disegno di legge, attuato per la riforma del sistema fiscale, delega il Governo ad emanare uno o più decreti per il superamento dell'IRAP, salvaguardando tuttavia il finanziamento del fabbisogno sanitario

Verso la pubblicazione in Gazzetta, molte le novità introdotte. Quasi 2 miliardi arriveranno dal ritorno della rivalutazione dei terreni edificabili e con destinazione agricola e delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati.

Con il pagamento di un'imposta sostitutiva del 14% è possibile accedere all'agevolazione in relazione alle partecipazioni e ai terreni posseduti al 1° gennaio 2022. C'è tempo fino al 15 giugno 2022 per versare l'imposta sostitutiva e per procedere alla redazione e all'asseverazione della perizia di stima. Questo è quanto prevede il decreto Energia, che permette anche per il 2022 la rideterminazione del valore di acquisto di quote e terreni posseduti da persone fisiche, società di persone ed enti non commerciali.

Con la circolare n. 4 del 18 febbraio 2022, l'Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti sulla nuova Irpef e l'abolizione dell'Irap per persone fisiche esercenti attività. Come devono comportarsi i sostituti d'imposta

Inizialmente scesa a 1.000 euro dal 1° gennaio 2022, la soglia di contante torna a 2.000 euro per effetto di nuovo emendamento al nuovo Milleproroghe. Il limite scenderà a 1.000 euro solo dal 1° gennaio 2023